di Gioia Masseroli
17554801_1532883513420243_709534755_n[1]Un gol realizzato all’ultimo minuto di gara ha sempre il suo fascino; e se rappresenta la rete del trionfo nello scontro diretto tra prima e seconda in classifica? La risposta vien da sé: vale doppio.
Questo lo sa bene il pregiato attaccante del Villa d’Ogna Angelo Paolo Maida, perché è proprio quello che è successo nella gara del girone di andata contro la Gandinese: gol all’ultimissimo minuto di Maida e la capolista, per l’ennesima volta, non si smentisce.
“In termini di prestazione – spiega Angelo – non è stata la partita più bella, ma quanto a soddisfazione, sicuramente sì; non capita tutti i giorni di firmare il gol vittoria contro una diretta concorrente all’ultimo minuto”.
Una stagione, quella del Villa d’Ogna, da incorniciare nella quale i ragazzi – guidati da mister Simone Trussardi – hanno letteralmente dato i capogiri ogni domenica a tutti gli avversari ed ora si trovano in vetta al girone C di Terza Categoria.
Angelo Maida, diretto protagonista sul campo, racconta come ha vissuto questa annata: “Un campionato si può dire dai due volti: conquistare e scrivere il record di ben 17 vittorie consecutive è qualcosa di incredibile e mi riempie di orgoglio; non abbiamo lasciato scampo a nessuno. Purtroppo, nell’ultimo mese, abbiamo perso un po’ di brillantezza e continuità nei risultati. Adesso, dato che anche la Gandinese ha giocato un campionato altrettanto straordinario, ci troviamo a tre giornate dalla fine con i giochi matematicamente ancora aperti per il salto di categoria”.
17555451_1532889190086342_1338481431_n[1]Vincere per 17 volte di fila non è poco e il Villa d’Ogna si trova davvero ad un passo da questa ambiziosa e pregiata impresa.
Restando sempre in tema di obiettivi raggiunti l’attaccante, nato ad Alzano Lombardo il 14 aprile del 1987, nel corso di questa stagione ha già tagliato un importante traguardo: la doppia cifra; ovvero quella soddisfazione che tutti i bomber vogliono e vorrebbero ottenere. I gol realizzati da Maida, nell’annata 2016-2017, sono ben 10 e, mancando ancora diverse giornate alla fine, le carte in regola per superare questa cifra ci sono tutte. Lo stesso giocatore dichiara che il fiuto del gol non è la sua qualità più importante e, nonostante le reti siano molte, l’aspetto fondamentale è l’affiatamento con i compagni: “Le mie caratteristiche sono altre, ma quando ho l’opportunità di segnare non ci penso due volte. Inoltre, sono convinto che avere un gruppo unito ed affiatato possa fare la differenza e sopperire anche ai limiti tecnici dei singoli”.
17580281_1532890270086234_177015516_n[1]E forse, con quest’ultima battuta, Maida ci svela il segreto vincente della strepitosa stagione targata Villa D’Ogna: il gruppo può fare e fa la differenza!
C’è un compagno con il quale hai legato di più? “Yussef El Ouardy – risponde Maida – viviamo la passione del calcio dallo stesso punto di vista, sia in campo che fuori. Questa è la quarta stagione che gioco insieme a lui e Yussef rappresenta uno dei motivi per cui sono arrivato ad indossare la maglia del Villa d’Ogna”.
Ma per l’attaccante classe 1987 il Villa è solamente l’ultima tappa della sua carriera, una carriera iniziata ben 22 anni fa: “Ho tirato i primi calci al pallone – ricorda Angelo – nella Fulgor Ponte Nossa, la squadra di calcio a 7 del paese dove sono cresciuto. Dopo questa esperienza sono diverse le casacche che ho indossato: Albinoleffe per un anno, Fiorano, dove ho fatto tutte le giovanili e disputato due stagioni in prima squadra. Successivamente, questa società si è sciolta e così si sono aperti nuovi orizzonti: Rovetta, in Seconda categoria per un anno, Clusone per tre campionati in prima Categoria e poi sono arrivato all’Accademia Valseriana dove vi ho posto radici per tre anni”.
17580144_1532910486750879_411582182_n[1]E proprio quando sembrava dovesse esserci un punto, ecco che si presenta per Angelo la preziosa occasione chiamata Villa d’Ogna: “Mi trovavo sull’orlo di voler appendere le scarpette al chiodo per mancanza di stimoli e anche per impegni lavorativi, ma poi è arrivata l’occasione del Villa d’Ogna e ho deciso di provare questa avventura in Terza Categoria; esperienza che si è rivelata essere un gran successo e ne sono molto soddisfatto”.
Una carriera rappresentata da tante maglie e altrettante soddisfazioni con un requisito evidente: i gol di Maida non arrivano mai per caso e sono sempre reti di spessore. “La marcatura che mi ha regalato più emozioni e che ricordo con molto piacere – spiega Angelo – è quella realizzata nella finale dei play-off con l’Accademia Valseriana; un gol fondamentale e prezioso per il salto di categoria”.
17505996_1532885863420008_144224603_n[1]Un bomber e un giocatore che fa e sa fare gruppo; ma nella vita di tutti i giorni chi è Angelo Paolo Maida?
“Lavoro nella ditta della mia famiglia – dice Maida – una lavanderia industriale che gestisco occupandomi di diverse faccende. Per 18 anni ho vissuto a Ponte Nossa per poi trasferirmi, sempre in Valseriana, a Clusone. Da un anno convivo con Valentina, la mia ragazza da ormai otto anni”.
Infine, Maida svela di non essere mai stato un gran sognatore, ma un piccolo desiderio non manca, giusto per coronare la sua carriera: “Mi piacerebbe vincere il campionato, visto che non l’ho mai vinto. Per quanto riguarda la vita extra calcio l’obiettivo è realizzarmi dal punto di vista lavorativo e vivere una vita serena; non chiedo altro!”.
17580100_1532910490084212_34993520_n[1]