bellina5 di Matteo Bonfanti
A Casazza è una di quelle partite che non si sbloccano. I biancazzurri attaccano, ma manca il guizzo, l’idea meravigliosa per mandare in porta il bomberone e risolverla. I compagni guardano l’unico tra loro che quell’idea ce l’ha da sempre nella testa, nel cuore e giù fino ai piedi. Ce l’ha addosso, tagliata su misura, fin da bambino, quando con suo fratello Maicol passavano ore e ore a scartarsi nel cortile sotto casa, a Gorlago. E’ un attimo e Cristian Bellina li accontenta. Sente che è il momento giusto per dar vita al colpo di genio. Allora arretra a centrocampo e si fa dare il pallone. Dribbla un avversario, fa fuori il secondo, finta di andare in porta e serve un pallone filtrante per Quarantini, che, appostato a centro area, deve solo metterla dentro e cambiare una giornata uggiosa in una bella domenica di sole.

bellina100 Questo è Cristian Bellina, il goleador, la bandiera, ma soprattutto un assist man, quello che si dice un nove e mezzo, la seconda punta dei sogni, un po’ numero dieci per via della classe e della tecnica sopraffina, un po’ numero nove perché ha pure quel maledetto vizio del gol. Dribbling che non lascia scampo, mancinaccio preciso e potente, decisivo sempre, calciatore che dà dipendenza, il più delle volte protagonista nel bene, in rarissime occasioni anche nel male, quando gli capita la giornataccia. E’ successo quest’anno ed ha fatto notizia, domenica 15 novembre, minuto numero 90, rigore al Casazza sullo 0-0 col Paladina. A tutti tremano le gambe, a Cristian no perché sa di essere forte e di averne falliti davvero pochi in carriera. Bellina va sul dischetto, lo calcia angolato, il portiere si butta e lo para. Penalty fallito, proprio come accaduto nella finale dei Mondiali americani a Roberto Baggio, un altro talentuosissimo nove e mezzo, il campione nazionale a cui più somiglia la stella biancazzurra (anche se lui si ispira di più a Marcio Amoroso, il suo idolo quando era bambino). Va detto che, tra coppe conquistate, finali varie e campionati vinti, Cristian Bellina è uno dei giocatori più vincenti del nostro calcio provinciale.

bellina1 Quattro stagioni meravigliose vissute a Casazza col presidente Cambianica e ora una nuova avventura, annunciata lunedì da Bergamo & Sport, il giornale del calcio orobico: “Tornerò a giocare a Gorlago dove tutto è cominciato”.
DATA DI NASCITA: 1 luglio 1981
LUOGO DI NASCITA: Calcinate
ATTUALE SQUADRA: Casazza (Promozione) e nel 2016/2017 Gorlago (Seconda)
RUOLO: trequartista, seconda punta, ala sinistra
SETTORE GIOVANILE: Gorlago
GOL IN CARRIERA: 110
COMPAGNI IDEALI: Avanzini e Valenti
LA PARTITA DELLA VITA: San Paolo d’Argon – Sant’Angelo Lodigiani (finale Coppa Italia 2009-2010)
L’ALLENATORE IDEALE: Alberto Luzzana (ai tempi del San Paolo d’Argon, “mister fondamentale per il cambio di testa”)
LA CURIOSITA’: in questa stagione Cristian ha giocato insieme a Maicol, suo fratello, entrambi nel campionato di Promozione con la maglia del Casazza
LA MAIL: cristian.b1981@gmail.com