nicola1 di Matteo Bonfanti
Chiamatelo Vicarinho perché quel ragazzo alto e muscoloso ha una tecnica da brasiliano, da uomo-gol nel campionato carioca oppure nella Serie A del calcio a cinque, competizioni dove servono più di tutto piedi sopraffini, veloci quanto la parte destra del cervello, l’emisfero dell’intuizione. Ecco spiegato in poche parole Nicola Vicari, giocatore quest’anno al Brembate Sopra, definito da mister Brignoli, il tecnico che l’ha visto crescere esponenzialmente, la punta perfetta. “Nicola ha qualità da fuoriclasse – spiega il mister -. Pur avendo un fisicaccio, ha una rapidità di gambe impressionante. Io lo facevo giocare seconda punta. Partiva dal centrosinistra, saltava l’uomo e tirava in porta in modo perfetto. Nel reparto offensivo può giocare in qualsiasi ruolo, anche esterno nel 4-3-3 perché è velocissimo oppure centravanti perché è forte di testa e ha il senso del gol di chi va sempre in doppia cifra. Quest’anno ha giocato in Eccellenza facendo una grandissima prima parte di stagione. Sono convinto che Nicola, se sta bene fisicamente, può tranquillamente fare la differenza in qualsiasi categoria del nostro calcio provinciale”.

nicola3 E Nicola Vicari la differenza l’ha fatta, tenendo il Brembate Sopra ancorato alla zona salvezza fino a dicembre. Grazie ai suoi gol, cinque nelle prime dieci gare di campionato, uno più bello dell’altro, con un piede o con l’altro perché il bomber nato ventisei anni fa a Bergamo è ambidestro. Poi le strane scelte di mister Bolis, che lo ha relegato in panchina, preferendogli Grigis in una stagione culminata con la retrocessione dei gialloverdi. La squadra si è fermata, non Vicarinho, che, pur partendo dalla panchina, ha chiuso l’annata con dieci gol all’attivo, comunque un ottimo bottino.
Sipario, quindi, sulla carriera di Nicola Vicari, fino ad ora tutta in ascesa. Lo cresce l’AlzanoVirescit, vivaio che ha cullato in queste ultime stagioni tanti campioni del nostro pallone, diventa grande e lo mandano a farsi le ossa a Grassobbio, in Prima categoria. Gioca due volte contro il Foresto e mostra tutto il suo straordinario repertorio tecnico-tattico. L’anno dopo Brignoli, che allena proprio il Foresto, appena promosso in Promozione, chiede al suo presidente di comprargli Vicarinho, perché con lui là davanti ci si può salvare e ci si può pure divertire.
Nicola Vicari arriva in una categoria che non conosce eppure fa una stagione da urlo, quindici gol in campionato senza tirare neppure un calcio di rigore e poi giocate d’alta scuola, assist ai compagni di reparto, serpentine e cannonate nel sette. L’anno dopo ancora meglio, 17 reti, e la consapevolezza di essere diventato un big del nostro calcio provinciale.

nicoladottore Arriva l’estate 2014 e Vicarinho è il pezzo pregiato del mercato, insomma lo vogliono un po’ tutti. Lo prende l’ambiziosissimo AlbinoGandino, ma Nicola soffre per la pubalgia e scende in campo col contagocce. Quando lo fa, segna reti preziose. Siamo ai giorni nostri, a questo luglio, il Brembate Sopra ingaggia Nicola Vicari. Che nel 2015-2016 è stato tra i migliori dei gialloverdi con una media voto superiore al sette e dieci reti, la famosa doppia cifra, di testa, di tacco e in rovesciata, proprio come nel gioco che si fa all’oratorio. Vicarinho ha cominciato all’Excelsior, la formazione della parrocchia di Borgo Santa Caterina. E chissà dove arriverà nel mondo del pallone. Intanto si è laureato, proprio ieri, in Economia, segno che, oltre ai piedi buonissimi, il nostro bergamasco-brasiliano ha pure una bella testa.

DATA DI NASCITA: 10 novembre 1989
LUOGO DI NASCITA: Bergamo
GOL FATTI IN CARRIERA: 90
ATTUALE SQUADRA: Brembate Sopra (Eccellenza)
RUOLO: seconda punta partendo dal centrosinistra, ma può giocare anche centravanti o esterno d’attacco nel tridente
GLI ESORDI: all’Excelsior a cinque anni, cresciuto col pallone, il primo regalo dei genitori
SETTORE GIOVANILE: AlzanoVirescit
L’ANNATA MEMORABILE: il primo anno in Promozione con la maglia del Foresto
LA PARTITA DELLA VITA: Curno-Foresto 0-3 grazie a una sua tripletta
IL COMPAGNO DI SQUADRA IDEALE: Yuri Gallo, giocatore fortissimo e uomo spogliatoio
IL MISTER FONDAMENTALE: Matteo Brignoli (nelle stagioni con la maglia del Foresto)
LA MAIL: nicola_vicari7@hotmail.com