titolari

di Monica Pagani
Massì, dove la qualità sposa la convenienza. Questo il motto che riassume al meglio i 23 anni di attività di un gruppo imprenditoriale che ha portato nella bergamasca e in Brianza per la prima volta i discount, ovvero l’evoluzione dei supermercati di quartiere.
A far decollare il progetto Pippo Mazzoleni e Dario Corbetta, che ha lasciato poi il posto a Antonio Crea, a dar vita ad una rete di negozi capaci di soddisfare appieno le svariate esigenze della clientela è stata appunto la volontà di tradurre in realtà la filosofia “del negozio di prossimità e vicinato”, geniale idea oltre che pensata vincente da sempre, filo conduttore della società Emmeci srl. Un pensiero che si è rivelato assolutamente centrato e anche precursore dei tempi, tanto da portare la società a espandersi sul mercato e a festeggiare, a breve, l’apertura del 25esimo punto vendita di Besana Brianza. «Certamente un traguardo ambizioso – racconta Pippo Mazzoleni – ma pienamente in linea con la vocazione allo sviluppo e alla crescita che dal lontano 1989, anno di fondazione del gruppo, accompagna il nostro cammino lavorativo. I punti vendita sono distribuiti sul territorio lombardo, abbracciano diverse province e, grazie alla competenza di collaboratori e collaboratrici, soddisfano le esigenze di un gran numero di clienti. Lavoriamo in maniera capillare su tutto il territorio della nostra regione, presentando punti vendita che spaziano su diverse province come Bergamo, Brescia, Lecco, Como e Milano. Anche se sono passati diversi anni da quando siamo partiti, lo spirito e la voglia di lavorare bene, dimettersi al servizio della gente sono rimaste sempre le stesse; anzi, devo dire che la nostra attenzione è sempre più catalizzata sull’importanza di dare una giusta risposta alla richiesta di chi entra a fare la spesa nei nostri discount, a chi si affida alla qualità dei nostri prodotti avendo sempre un occhio attento al prezzo. Per quanto riguarda i numeri posso dire che il Gruppo Massì si occupa di media distribuzione organizzata in 24 punti vendita, ora 25 con la nuova apertura prevista per a giugno, così suddivisi: due Super a marchio Sigma affiliato Massì, cinque punti vendita a marchio Eurospin e i restanti a marchio LD affiliato Massì».
«Per ottenere successi commerciali non bastano solo la qualità e l’ampia gamma di scelta dei prodotti esposti o la funzionalità dei punti vendita in termini di estensione, accessibilità e fruibilità – aggiunge Antonio Crea -, sono infatti sono le persone a determinare la crescita dell’azienda. Abbiamo anche un codice etico in azienda che cerchiamo di rispettare e mettere in pratica sempre, perché crediamo che per perseguire i nostri obiettivi e cercare di raggiungerli si debba proprio partire dalla valorizzazione delle risorse interne. La nostra mission ha senso ed è proficua solo nel momento in cui tracciamo bene le linee guida da seguire e facciamo di tutto per rispettarle. Il compito dell’Emmeci è infatti quello di trovare la giusta via per garantire al cliente qualità e prezzo allo stesso tempo, ovvero permettergli di riempire il carrello sapendo di aver scelto prodotti di qualità. Anche per questa ragione, il Gruppo Massì per operare efficacemente sulmercato ha
scelto di collaborare con partnership di alto livello in settori strategici per lo sviluppo commerciale, come quelle con Eurospin  Spa e Lillo Spa, proprio per aumentare ancor di più il livello di qualità del servizio offerto».
E per rendersi conto di tutto ciò è sufficiente farsi un giro in uno dei punti vendita per capire che oltre alla gamma di prodotti di uso comune, Emmeci ha arricchito l’offerta apportando il valore aggiunto dei freschi: «Dobbiamo tenere conto del fatto che il nostro mercato e il nostro settore sono sensibilmente cambiati negli anni – continua Crea – e che la concorrenza si fatta davvero più sentita. Inoltre si è verificata una vera e propria evoluzione del concetto di discount, evoluzione che noi abbiamo sostenuto fin da subito, quella cioè di inserire nei nostri negozi anche i reparti di carne, frutta, verdura e salumi, sempre con un’attenzione particolare al rapporto qualità-prezzo».
E non dimentichiamo anche delle nuove tendenze: «Il nostro è un lavoro in continua trasformazione, che deve sempre rimanere al passo con i tempi. Lo dimostra il fatto che nei nostri negozi inseriremo prodotti biologici nel prossimo mese e attualmente oltre ad un assortimento di base abbiamo anche una linea di prodotti Premium per soddisfare i clienti più esigenti (sempre con rapporto qualità/prezzo ottimo)».
E poi spazio anche ai concorsi, veicoli importanti per fidelizzare il cliente: «L’anno scorso chi faceva la spesa riceveva alla cassa una cartolina per vincere un diamante: erano due i brillanti in premio in tutta Italia e la fortuna ha voluto che fosse proprio uno dei nostri punti vendita ad averla consegnata, quest’anno l’iniziativa è stata replicata ma in palio ci sono dieci auto. Diciamo che anche queste sono strategie di marketing interessanti che vengono proposte un po’ da tutte le grosse catene di distribuzione per legarsi ancor di più il cliente e per dargli un incentivo diverso per venire a fare la spesa da noi».
Perché Massì è sinonimo di qualità e convenienza e non è una semplice azienda, e neppure una famiglia, ma un gruppo armonico di lavoratori uniti da un unico scopo: dare il meglio per se stessi e dare se stessi per avere sempre il meglio.

MASSI’ & SPORT
Massì fa anche rima con sport. Valori condivisi, spirito di sacrificio, desiderio di tagliare traguardi importanti e mete sempre più ambiziose: questi fondamentalmente i fattori che hanno portato l’Emmeci a sostenere, nel corso degli anni, diverse iniziative di carattere sportivo che si sono susseguite, in particolare, tra ciclismo e calcio. “L’interesse per lo sport nasce un po’ da una passione personale – racconta Mazzoleni – che dalla voglia di dare un aiuto a chi si impegna a far crescere i nostri figli anche in questo ambito della vita. Da qui la GS Supermercati Massì, il team di ciclismo che tutt’ora è impegnato nei campionati juniores su due ruote ruote, che nasce proprio dal sogno della nostra azienda che ha favorito, appunto, la nascita di questa importante realtà ciclistica nel panorama bergamasco del lontano 1996. Al ciclismo poi si è affiancato l’interesse per il calcio tanto che io sono diventato il vice presidente del Caprino Calcio, realtà dilettantistica orobica che oggi milita in  Eccellenza”.